Cerca nel sito

Per ricevere info:

Email:
Nome:
Dove si terranno le prossime olimpiadi estive?

Informazioni:

Ufficio CUS Insubria:
Via Monte Generoso 59 · Varese

Palazzetto Sportivo

cus@uninsubria.it
cusinsubria@legalmail.it
tel · 0332 219895

tel · 0332 219896

fax · 0332 219898


Sede legale:
Via Ravasi 2 · Varese

CF 95029780129

PIVA02501940122


 
 

facebook

foto

youtube

twitter


Sport News a Varese

Sport News a Como

  • Il padrone è in ospedale Il cane lo cerca per un mese
    Proserpio La storia di Dario Pina e del suo fedele cane Batan «Lo avevo affidato a un conoscente per il ricovero ma è scappato»

    Batan per oltre un mese ha cercato il suo padrone peregrinando dal centro di Proserpio al bosco, toccando i luoghi in cui era solito accompagnare l’amico senza trovarlo.

    Batan non sapeva però della malattia di Dario: ricoverato per un’operazione al cuore e impossibilitato per questo a stare con lui. Domenica scorsa l’uomo con altre sei persone ha cercato il meticcio di 12 anni per tutta Proserpio, alla fine riabbracciandolo. E il cane dimagrito e spaventato, ha fatto le feste al padrone.

    Batan in questo mese di fuga evitava le persone che incontrava e le ha continuate ad evitare fino al ritorno del padrone. “Prigioniero” di una casa non sua, è scappato il 16 luglio un mese dopo il ricovero di Dario Pina. Tutto il paese lo ha cercato perché tutti tenevano all’amicizia tra il meticcio e l’uomo di 65 anni, ma il piccolo cane non si è fatto avvicinare da nessuno. Solo quando il padrone lo ha chiamato, seppur riluttante probabilmente per il tempo trascorso, il cane è tornato dall’amico.

    I dettagli su la Provincia in edicola giovedì 24 agosto

  • È già la Libertas Cantù di Ricardo «Che bello, mi sento come a casa»
    Il secondo brasiliano del gruppo di Cominetti è sbarcato in città. E subito ha voluto allenarsi

    Assieme al connazionale Caio, Ricardo (abbreviativo di Ricardo Alexandre Gomes do Rego Junior) andrà a comporre la prima coppia brasiliana della storia della Pool Libertas.

    È arrivato proprio in questi giorni dal Brasile e, nonostante le 15 ore di volo e il prevedibile jet-leg accumulato prima di atterrare a Malpensa, il giocatore ha voluto subito sostenere un primo allenamento al Parini.

    La Superliga carioca è ormai alle spalle. Da adesso è il campionato A2 italiano il suo palcoscenico, una sfida da vincere per il nuovo posto quattro da 206 centimetri d’altezza che, così come fatto lo scorso anno da Caio, intende entrare fin da subito nel cuore dei tifosi canturini.

    «Mi sono allenato per un mese con il Volei Funvic Taubatè, i miei ex compagni di due stagioni fa, perché ci tenevo a farmi trovare subito pronto per questa nuova avventura qui a Cantù. Prima delle visite mediche ho avuto l’occasione di fare una parte di allenamento con coach Cominetti. Tenere un pallone in mano aiuta a cancellare le distanze. E posso dire che qui mi sento già a casa», spiega il giocatore brasiliano.

  • Cantù, giorno di gran traffico È atterrato anche Thomas
    Dopo Culpepper, altro arrivo alla Malpensa: tutti pronti a raggiungere Chiavenna

    Dopo lo sbarco in Italia di Randy Culpepper nella tarda serata di ieri, all’Aeroporto di Milano-Malpensa è arrivato anche Charles Thomas.

    Il lungo statunitense, partito con un volo da Miami, è atterrato in Lombardia alle 10.50 di questa mattina.

    Dopo essersi messo in posa per la prima foto con i colori della Pallacanestro Cantù, con tanto di sciarpa degli Eagles in mano, Thomas è stato in seguito accompagnato dallo staff canturino per svolgere le visite mediche di rito.

    Nelle prossime ore l’ex Maccabi Rishnon raggiungerà il resto della squadra al ritiro di Chiavenna.