Cerca nel sito

Per ricevere info:

Email:
Nome:
Dove si terranno le prossime olimpiadi estive?

Informazioni:

Ufficio CUS Insubria:
Via Monte Generoso 59 · Varese

Palazzetto Sportivo

cus@uninsubria.it
cusinsubria@legalmail.it
tel · 0332 219895

tel · 0332 219896

fax · 0332 219898


Sede legale:
Via Ravasi 2 · Varese

CF 95029780129

PIVA02501940122


 
 

facebook

foto

youtube

twitter


Sport News a Varese

Sport News a Como

  • Il segreto di Dovizioso? È nascosto in Brianza
    Viaggio nel mondo di Keope World a Sirtori del Prof Maffei che ha cambiato l’approccio del pilota. Domani due pagine sul quotidiano

    Lo ha detto lui. Andrea Dovizioso. La vita del pilota Ducati, di uomo e sportivo, è cambiata il giorno che ha incontrato Amedeo Maffei. Tutti a chiedersi come abbia fatto Andrea a trasformarsi da buon pilota (una sola gara vinta in tanti anni), a un vero “numero 1” capace di vincere sei gare in un anno e battere nel corpo a corpo uno come Marquez, roba che nemmeno Valentino Rossi... L’incontro con Amedeo Maffei ha segnato la svolta. Scienziato della mente, psicologo e inventore della macchina Keope GPR (Global Proprioceptive Resonance), struttura a risonanza propriocettiva globale elettronica che ha impresso una nuova direzione alle applicazioni e agli studi relativi al benessere psico fisico. Visto che si tratta di una realtà nel nostro territorio, era doveroso andare a dare un’occhiata. Sirtori, Brianza Lecchese, una collina con un vecchio castello protetto da un cancello. È Keope World, la sua società. Un luogo magico già a vederlo da fuori. E’ la sede acquisita negli Anni Ottanta da Amedeo Maffei, emiliano di Modena, trasferito a Milano a 4 anni e successivamente a Sirtori dove ha trovato lo spazio per realizzare le sue idee. Sul giornale di domenica due pagine di racconto.

  • Consegnati i premi Fair Play C’è il ragazzo che sbagliò il rigore
    Riconoscimenti anche alla Promozione (professor Antonio Tieghi) e alla carriera (dedicato a Spallino: a Enzo Molteni)

    Una Giornata Internazionale del Fair Play da ricordare, quella trascorsa ieri nella stupenda cornice di Villa del Grumello. A coronare il tutto uno stupendo sole, che penetrando dalle finestre della prestigiosa villa sul percorso del Chilometro della Conoscenza, ha irrorato di una bella luce autunnale la sala dove s’è tenuto l’evento. Il programma ha previsto inizialmente la sottoscrizione della “Dichiarazione del Panathlon sull’etica nello sport giovanile” e della “ Carta dei doveri del genitore nello sport”. Hanno firmato i documenti il Comune di Lomazzo, rappresentato dalla sindaco Benzoni, oltre a sette società sportive. È stato grazie all’impegno del consigliere panathleta Claudio Chiaratti, spesosi infaticabilmente nel coinvolgere le associazioni di Lomazzo, che quest’anno s’è avuto un così alto numero di firmatari. I premi alla Promozione e al Gesto, sono andati rispettivamente al professor Antonio Tieghi e al giovane calciatore Tarek Chamkha. Il mitico insegnante canturino, da decenni appassionato divulgatore dello sport in particolare del minibasket, ha ritirato il premio da Filippo Saladanna: panathleta figlio d’arte, che ebbe in un suo papà un vero e proprio fautore del fair play. Il quattordicenne atleta del G S Junior Calcio di Fino Mornasco, emozionatissimo, ha faticato non poco a rievocare il momento in cui, sbagliando di propria volontà un rigore, rese giustizia alla squadra avversaria che in una partita di Campionato Giovanissimi s’era vista assegnare contro un penalty ingiusto. Spazio anche ad una Menzione per il comportamento etico nell’attività sportiva: assegnata allo Sport Club Brianza per l’Happy Time nei fine partita del minibasket.

  • Cantù verso Torino Thomas ancora in forse
    L’allenatore biancoblu guarda ai suoi “panchinari” («Queste persone possono stare in campo in Serie A», afferma) e darà chances a tutti

    Le statistiche dicono che tra Cantù e Torino il successo strizzi l’occhio alla prima. I biancoblù, infatti, hanno vinto 31 dei 53 incontri fin qui disputati, una supremazia piuttosto marcata che questa sera la Red October cercherà di incrementare conscia però della qualità dell’avversario di turno. Al PalaRuffini (domani alle ore 20.45), infatti, la squadra di Sodini si troverà di fronte una Fiat seconda in classifica con 12 punti e desiderosa di riprendere fin da subito la rincorsa alla Germani Basket Brescia, capolista a punteggio pieno con 14 punti. , Sodini tenterà di recuperare Thomas (che già nell’ultimo turno contro l’Umana Reyer ha dovuto dare forfait ed è tuttora in forse per questa sera) per mettere in campo un quintetto all’altezza delle aspettative. L’allenatore biancoblu guarda ai suoi “panchinari” («Queste persone possono stare in campo in Serie A», afferma) e cita i meno impiegati. Tassone, Raucci, oppure Maspero, non fa differenza: tutti e tre possono essere chiamati in causa. Essenziale è che, una volta buttati nella mischia, sfruttino l’occasione. «Ho fiducia che possano stare in campo», commenta, sottolineando quanto un’opportunità potrebbe arrivare per tutti loro, magari già da oggi. Detto di Thomas, sul cui impiego si deciderà solo a ridosso della partita, sono ormai pienamente recuperati Burns e Chappell.